17 febbraio 2014

Come mantenere una dieta o alimentazione sana in gravidanza

Una dieta o un' alimentazione sana ed equilibrata in gravidanza è importante non solo per mantenere in salute la madre ma anche per permettere al feto di svilupparsi e prevenire delle patologie, non solo durante il periodo fetale e neonatale, ma anche e soprattutto durante la vita adulta e la terza età...



Il Blog di "rimedi della nonna": In gravidanza  come mantenere una  dieta o un'alimentazione sana ed equilibrata per la salute 

Già in un precedente post "La dieta mediterranea" abbiamo parlato di dieta, termine che deriva dal greco "dìaita" il cui significato è: "modo di vivere, stile di vita" espressione che sta ad indicare non solo un'alimentazione sana ed equilibrata ma anche uno stile di vita corretto.

Una dieta corretta in gravidanza dovrebbe quindi prevedere:

"un maggior controllo di quantità e qualità del cibo e bevande introdotte nell'alimentazione quotidiana, in base al fabbisogno energetico", che si aggira
per una gravidanza singola ad un minimo di 1600 Kcal al giorno, gemellare a circa 3000 Kcal e, che aumenta nel secondo e terzo trimestre rispettivamente di circa 150 e 300 kcal al giorno.

In gravidanza (ma anche durante l'allattamento) aumenta il fabbisogno di vitamine (in particolare A e B) e di sali minerali come calcio, facilmente ottenibile attraverso l'assunzione di latte e/o suoi derivati e ferro, ed è inoltre importante mantenere un adeguato equilibrio tra proteine, carboidrati e grassi (come del resto sarebbe sempre giusto fare nell'alimentazione quotidiana anche in condizioni normali) per la salute della madre e del nascituro.

Una corretta alimentazione in gravidanza dipende anche dalle condizione sia fisiologica che patologica di ciascuna donna gravida che si potrà poi definire con il proprio medico curante, per le donne in sovrappeso e sottopeso sarebbe opportuno prendere dei provvedimenti consultando il proprio medico o nutrizionista,  in linea di massima una corretta alimentazione prevede il consumo di:

Zuccheri complessi come pane (possibilmente integrale), pasta, riso, cereali, legumi;

Proteine come carne da preferire quelle bianche, pesce, soprattutto pesci di piccola taglia, uova, soia, latte parzialmente scremato, legumi;

Grassi utilizzare l'olio extravergine di oliva; limitare il consumo di burro e margarina;

Vitamine e minerali: mangiare frutta fresca di stagione preferibilmente negli spuntini; consumare quotidianamente la verdura;

latte parzialmente scremato e formaggi magri;

Sale da cucina non abusarne.

Acqua bere almeno 1,5/2 litri di acqua al giorno e anche di più in estate

Durante la gravidanza è importante anche mantenere uno stile di vita attivo, facendo del movimento, non solo delle brevi passeggiate quotidiane, ma anche praticare uno sport che favorisca la respirazione e alleni i muscoli pelvici, soprattutto se la gravidanza procede bene e non si manifestano problemi particolari, tra questi sport vi è il nuoto che è la disciplina sportiva più indicata per le donne incinte.

Prima di cominciare qualunque attività fisica consultare sempre il ginecologo e accertarsi che non vi siano controindicazioni e poi ricordate che:
l’attività fisica scelta non deve risultare nè faticosa nè dolorosa;
durante l'attività fisica inspirare dal naso ed espirare lentamente dalla bocca con un ritmo regolare, questa azione permetterà di eseguire i movimenti o mantenere le posizioni con più facilità; 
è importante eseguire dei movimenti lenti.

Una alimentazione corretta e uno stile di vita adeguato aiuta a  prevenire gli eventuali disturbi che la nuova condizione potrebbe causare, come nausea, vomito, cattiva digestione, stitichezza ecc, quindi, oltre alla dieta e al movimento, è importante:

1) Fare pasti piccoli e frequenti: 
5 pasti dei quali 2 corrispondono a piccoli spuntini durante il mattino ed il pomeriggio;

2) Mangiare lentamente:
in questo modo eviteremo una inutile  ingestione di aria che può dare senso di gonfiore addominale 

3) Evitare se possibile:

a) i cibi più calorici nei giorni nei quali la vostra attività è molto ridotta o mangiarli al mattino e a pranzo;

b)  i cibi di origine animale crudi o poco cotti, insaccati (soprattutto per chi è a rischio di toxoplasmosi o per evitare malattie alimentari pericolosissime per il feto, come la listeriosi) ed uova crude (ricordarsi di lavare le mani con il sapone dopo aver toccato questi cibi);

c) i formaggi molli come feta, Brie, gorgonzola, Camembert, etc.

d) il pesce crudo o pesce affumicato come salmone, trota, tonno, sgombro, etc.;

e) alcol, caffè, bevande e prodotti dimagranti o energetici a base di stimolanti come caffeina, efedrina, amfetamine.


E per finire una corretta dieta in gravidanza dovrebbe comprendere un alimentazione che segue questo schema:

Colazione: latte o yogurt o caffè con cereali, pane o 2-3 fette biscottate o due biscotti secchi

Spuntino una frutta fresca o una spremuta d'agrumi.

Pranzo: 80 grammi di pasta o di riso, un secondo di carne o pesce o un uovo, con contorno di verdura fresca, cotta o cruda,  un panino, frutta fresca

Spuntino: latte o yogurt o tè o spremuta d'agrumi, con cereali o a una fetta biscottata 

Cena una minestra di verdura o una pastina in brodo, con un secondo di pesce o formaggio o prosciutto cotto o bresaola con contorno di verdura, un panino, un frutto 

*Le informazioni pubblicate in questo post sono a carattere conoscitivo e non sostituiscono in alcun modo i consigli, il parere, la visita e la prescrizione del medico.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...