18 marzo 2014

Allergie ai pollini: rimedi e prevenzione

Nel precedente post Primavera e allergia abbiamo parlato di allergia da pollini, che ogni anno arriva con la primavera, tempo di fioriture delle piante, causando fastidio e disagio ai soggetti allergici con: starnuti a raffica, occhi arrossati, raffreddore, asma, stanchezza ecc.  ma, quali sono i rimedi o i comportamenti da adottare in casa o all'aperto per  combattere o prevenire questa fastidiosa allergia? 





Il Blog di "rimedi della nonna": Allergie ai pollini: rimedi e prevenzione

E' arrivata la primavera, il sole inizia a riscaldarsi, i fiori sbocciano ed  anche l'allergia,  che l'Organizzazione Mondiale della Sanità elenca al sesto posto tra le malattie più diffuse del pianeta. Fastidiosa e irritante, colpisce indifferentemente adulti e bambini, con tosse, starnuti, naso chiuso, asma, lacrimazione, dermatite atopica, ecc. 

Secondo alcuni studi, alla base delle allergie ci sarebbero una serie di fattori: predisposizione genetica, esposizione agli allergeni ambientali e alterazione dell’equilibrio del Sistema Immunitario, ma, allora, come affrontare l'allergia?

Il modo migliore per combattere  l’allergia è quello di evitare il contatto con la sostanza allergenica, in questo caso il polline e, di quegli alimenti vegetali che immediatamente dopo l'ingestione hanno causato una reazioni dell'organismo come prurito intenso, gonfiore alle labbra e al cavo orale ecc. 

Per fare prevenzione ed evitare il peggioramento dell'allergia, ecco 10 regole importanti da seguire, soprattutto se si ha avuto anche un lieve raffreddore allergico nella precedente primavera, oppure se si ha un genitore che soffre di questo disagio stagionale:

1) Evitare di uscire di casa, se è possibile, quando la temperatura si alza, perché il caldo favorisce la liberazione nell´aria dei pollini, se non è possibile, una volta a casa cambiate i vestiti e fate una doccia (shampoo incluso) per evitare di avere i pollini addosso; 

2) Per evitare di fare entrare in casa i pollini in circolazione tenete porte e finestre chiuse, oppure mettete delle tende o delle zanzariere ;

3) Sciacquare spesso gli occhi con acqua fredda e prima di andare a dormire pulirli con cotone imbevuto di infuso alla camomilla e rosmarino;

4) Ungere l'interno del naso con vaselina, per evitare che le spore si depositino sulle sue pareti interne, oppure fare dei lavaggi nasali con acqua e sale;

5) Non fumare ed evitare ambienti con persone fumatrici perché le mucosi nasali-oculari possono irritarsi; 

6) Se vivete circondati dalle piante comprate uno ionizzatore, che, caricherà elettricamente i pollini presenti nelle stanze, facendoli precipitare a terra da cui, poi,  possono essere rimossi facilmente con l'aspirapolvere;

7) In primavera è meglio una gita al mare, dove i pollini sono più scarsi o la montagna al di  sopra dei mille metri;

8) Seguire un'alimentazione sana e bilanciata: mangiare molta frutta e verdura (soprattutto quelli contenenti vitamina C) cereali, soprattutto orzo, avena e riso integrale,

9) Bere molto: l’istamina, una delle principali sostanze responsabili delle manifestazioni allergiche, è solubile in acqua e bere molto aiuta il nostro organismo ad eliminarla meglio;

10) E infine evitare quegli alimenti  vegetali che hanno dato una reazioni allergica all' ingestione (la reazione allergica si manifesta prevalentemente a livello delle mucose (nasali, oculari, bronchiali…) quando gli anticorpi specifici vengono prodotti per contrastare un allergene) perché “cross-reagenti” con i pollini in causa.

Di seguito, ecco gli alimenti da evitare in base al tipo di allergia:

Se si è allergici ai pollini di composite prestare attenzione a: lattuga, cicoria, sedano, finocchio, carota, prezzemolo, anguria, melone, mela, banana, nocciola, noce, olio di girasole, camomilla, castagna e pistacchio; 

Se si è allergici ai pollini di betulacee prestare attenzione a: mela, pera, fragola, lampone, prugna, pesca, albicocca, ciliegia, mandorla, sedano, finocchio, kiwi, prezzemolo, nocciola;

Se si è allergici allergici ai pollini di graminacee prestare attenzione a: frumento, anguria, melone, limone, arancia, prugna, pesca, albicocca, ciliegia, kiwi, mandorla e pomodoro;

Se si è allergici  allergici ai pollini di parietaria prestare attenzione a: gelso, basilico, piselli, melone, ciliegia e pistacchio.

Per combattere le allergie, infine,  si può ricorrere, oltre che alla terapia vaccinica, ai farmaci di ultima generazione, anche ad alcuni rimedi naturali, utili per  sotto controllo i sintomi, bisogna ricordare però, che alcuni rimedi naturali vanno utilizzati anche per fare prevenzione e vengono assunti qualche mese prima della primavera e per tutta la stagione a rischio, quindi fino a giugno inoltrato, si  trovano sia in  erboristeria che in farmacia 

Tra le sostanze naturali che aiutano ad alleviare gli effetti dei sintomi dell'allergia troviamo: 

la Perilla o Basilico della Cina che ha la capacità di mitigare i disturbi allergici di varia natura: asma, riniti, orticarie, dermatiti ed eczemi; 

il Ribes nigrum un cortisonico naturale senza effetti collaterali, efficace contro tutti i tipi di allergie, anche quelle asmatiche; 

 Il Thè Verde sotto forma di tisana ottimo alleato contro le allergie di ogni genere; 

Rosa canina (Rosa Canina) vitaminizzante, antiinfiammatoria, antiallergenica, diuretica è utile nelle allergie, affezioni influenzali ecc

Attenzione:

E' sempre consigliabile rivolgersi al proprio medico per un consulto,  prima di iniziare qualsiasi trattamento
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...