17 marzo 2014

Primavera e allergia

La Primavera è alle porte e, per molti non è solo sinonimo di sole e di belle giornate da trascorrere all'aria aperta, ma anche di allergie da pollini, i cui sintomi sono: starnuti, naso che cola, tosse, disturbi alle alte vie respiratorie, congiuntiviti, ecc... L'allergia da pollinosi è davvero un fastidioso e irritante problema per chi ne soffre, ci sono però diversi consigli o rimedi naturali per attenuare questo disturbo,  scopriamoli!


Il Blog di "rimedi della nonna": Primavera e allergia piccoli consigli
Ogni anno con l'arrivo della Primavera, la stagione di fioritura di molte piante, ecco comparire l'Allergia da pollini, un disturbo che colpisce una persona su cinque rovinandogli gravemente la qualità della vita. Ma che cos'è l'allergia?
Cause
L'allergia è la risposta o la reazione difensiva eccessiva del sistema immunitario nei confronti di agenti ritenuti estranei, gli allergeni (sostanze diverse, come: pollini, polvere, spore, muffe, ma anche alcuni tipi di cibo, materiali, acari e altri insetti ecc.) dotati di potere antigene cioè in grado di provocare la produzione di anticorpi se inalate, ingerite o toccate.  
Nel tentativo di liberare il corpo da questi allergeni,  il sistema immunitario (che ha il compito di difendere l'organismo da ogni pericoloso invasore, solitamente batteri e virus) libera una sostanza chimica, l'istamina, che causa l'infiammazione e quindi l'allergia.
Sintomi
A seconda che il polline venga ingerito, respirato o entri in contatto con la pelle, la reazione allergica si può manifestare in diversi modi: secrezioni nasali e lacrimazione abbondante, occhi arrossati e intolleranti alla luce, prurito, gonfiore, starnuti a raffica, a volte mal di gola o tosse, attacchi d’asma, stanchezza, irritabilità, ecc
Di solito, chi è allergico ad una pianta è più sensibile anche agli allergeni di alcuni alimenti (vi è infatti una somiglianza tra le proteine di alcuni pollini e quelle di certi alimenti), l'ingerimento di questi ultimi  “cross-reagenti” nella stagione  di impollinazione, può sviluppare  una reazione allergica, chiamata allergia crociata (allergia di gruppo a proteine simili o imparentate). Le persone che ne soffrono, quindi, reagiscono in modo allergico a più sostanze in apparenza indipendenti l’una dall’altra.
Prevenzione:
Tenete, quindi sotto controllo anche l'alimentazione, se soffrite di allergie ai pollini, infatti se durante il consumo di certi alimenti sentite prurito al palato o bruciore e prurito in bocca e alle labbra o addirittura se dovesse verificarsi un gonfiore al viso, valutate anche la possibilità di una reazione crociata.
Il  modo migliore per combattere  le allergie è quello di fare prevenzione, evitando il contatto con le sostanze allergeniche:
- in questo caso, il polline, (anche se, non è facile, perché questi viene trasportato dal vento anche a grandi distanze);  
-e, a quegli alimenti vegetali che, durante l'ingestione hanno hanno dato delle reazioni allergiche come prurito e gonfiore alle labbra ed in bocca per esempioevitando o consumandoli in seguito a cottura;
facendo un po' di prevenzione, possiamo evitare il peggioramento dell'allergia, ma di questo e di alcune regole e rimedi di base da seguire per affrontare questa allergia ne parleremo nel prossimo post Allergia ai pollini: rimedi e prevenzione
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...