16 settembre 2014

Elenco macchie tessuti dalla A alla M, per smacchiare in modo facile

Abbiamo già parlato nel precedente post di macchie e di tessuti e, di come non tutte le macchie sono uguali, quindi, anche i procedimenti per smacchiare sono differenti, come differenti sono le temperature per i lavaggi dei tessuti. Oggi, vi propongo, invece un piccolo elenco di macchie dalla A alla M e, il metodo per smacchiare in modo facile, utilizzando prodotti naturali. Naturalmente se conoscete altri espedienti ideali per smacchiatura, vi sarei molto grata se voleste apportare il vostro contributo condividendoli con me e con gli altri lettori


Blog di rimedi della nonna: Elenco macchie tessuti dalla A alla M, smacchiare in modo facile

In questo post vi propongo un elenco di macchie sui tessuti che va dalla A alla M con piccoli trucchetti utili un po' a tutti: per smacchiare senza combinare guai e per utilizzare per ogni tipo di macchia e tessuto un rimedio adeguato e quando è possibile, prodotti naturali come acqua, sale, aceto, alcol, bicarbonato, talco, ecc. 

Prima di passare però, alla guida, vi ricordo che, vi sono delle regole molto importanti da seguire prima di smacchiare un tessuto e che troverete in  Come togliere dai tessuti  le macchie difficili e infine che, le macchie andrebbero trattate sempre fresche.

Elenco macchie dalla A alla M e i rimedi a loro abbinati:

*Arancia: ammorbidire prima con un poco di glicerina, risciacquare poi con acqua tiepida.

*Acquerelli: smacchiare con un panno imbevuto di acqua e ammoniaca (1 parte di ammoniaca per 8 di acqua);

*Biro: tamponare con con un panno imbevuto di alcol puro, mettendo un panno assorbente sotto il tessuto;

*Bacche di sambuco: usare acqua ossigenata, risciacquare con acqua.

*Birra:
1) Sulla seta, mischiare parti uguali di acqua e alcol, applicare con una spugna.
2) Sulla lana: acqua con un poco di detersivo per tessuti delicati.

*Brodo: Lavare con acqua tiepida e detersivo delicato.

*Macchie di bruciato:
1) Trattare immediatamente con acqua e aceto o con succo di limone, sciacquare accuratamente.
2) Oppure, inumidire la macchia con acqua e strofinarla con del sale.

*Burro: fate bollire in acqua e sapone, oppure con detersivo. Naturalmente se il capo non è delicato.

*Cacao:
1) Immergere il capo nell’acqua di bollitura delle patate (possibilmente tiepida).
2) Fare penetrare nella macchia la glicerina tiepida e poi sciacquare bene.

*Caffè:
1) Usate glicerina tiepida, sciacquare con acqua calda, passare il ferro da stiro sul rovescio ancora umido.
2) Sfregare la macchia con sapone di Marsiglia leggermente umido, fare ammorbidire in acqua calda, risciacquare bene.

*Catrame:
1)Trattare con acqua e sapone, sfregare i residui con alcol puro.
2) Strofinare a secco la macchia con olio di oliva, lavare poi normalmente.

*Cera: pulire raschiando, mettere la parte macchiata tra due fogli di carta assorbente e passarvi il ferro da stiro.

*Cera per pavimenti: collocare il capo macchiato tra due fogli assorbenti, passarvi sopra il ferro caldo.

*Ciliegie: lavare con acqua e sapone, tamponare le macchie rimaste con un poco di latte, lasciare agire, dopo una  o due ore risciacquare.

*Cioccolata:
1) Su cotone e lino basta smacchiare con acqua tiepida;
2) Su lana e seta, occorre tamponare con acqua e  ammoniaca (1 parte di ammoniaca per 8 di acqua);

*Colla vinilica:
1) Mettere in ammollo con detersivo neutro e lavare in modo delicato;
2) Macchie vecchie, ammorbidire in acqua e sapone, lavare, risciacquare bene.

*Collante: ammorbidire con acqua calda, passare con aceto caldo, risciacquare.

*Colori a olio:
1) olio di trementina puro quindi lavare e risciacquare.
2) Macchie vecchie: quattro parti di alcol, tre parti di  sapone in pasta, una parte di ammoniaca.

*Erba:
1) Per il cotone e il bianco, mettere a mollo in acqua molto calda, quindi risciacquare
2) Tessuti delicati: alcol  oppure ammoniaca.
3) Macchie vecchie: sfregare con succo di limone, risciacquare con acqua tiepida.

*Erba: su lana, smacchiare con una soluzione di acqua calda, alcol e ammoniaca (nelle proporzioni 3/2/1) e poi  sciacquare con acqua e aceto;

*Fango: lasciare asciugare e spazzolare con una spazzola a setole morbide;

*Frutta:
1) Su cotone, smacchiare con acqua e alcune gocce di ammoniaca;
2)  Su lana, tamponare con un panno  imbevuto di aceto o succo di limone;
3) Trattare le macchie di frutta con una miscela calda di ammoniaca diluita, lasciare a mollo per una notte nel siero di latte con un  paio di gocce di succo di limone, quindi risciacquare.
4) Seta: sciogliere la macchia con alcol puro, sfregare con alcol fresco.

*Gelato: smacchiare tamponando con un panno imbevuto di con alcol puro;

*Macchie Gialle o ingiallite:
1) su lenzuola di cotone:  lasciarle in ammollo per una notte in una bacinella con acqua, sale grosso e bicarbonato (2 o 3 cucchiai di ciascuno per ogni litro di acqua) e poi lavarli in lavatrice;

2) Biancheria intima: In ammollo,  per almeno un’ora in una bacinella con dentro una tazza di succo di limone e 2 tazze di acqua bollente, e poi risciacquate;

3)  seta: mettete alcune gocce di acqua ossigenata e qualche goccia di latte nell’acqua del risciacquo 

*Gomma da masticare:
1) Indurire la gomma passandovi sopra un cubetto di ghiaccio. Quando la gomma è secca, si stacca con le dita;
2) far raffreddare con ghiaccio secco (si trova in gelateria) quindi staccare.
3) Mettete l’indumento in un sacchetto, e lasciatelo un’ora nel congelatore, a questo punto la macchia si può rimuovere facilmente.

*Grasso:
1) Cospargere le macchie con farina di patate, lasciare agire, spazzolare.
2) Su tessuti di lana pesanti: spirito di  trementina oppure corteccia di quiliaia (saponaria).

*Grasso per auto: strofinare la macchia con burro o tuorlo d’uovo, lasciare agire per una o due ore, pulire raschiando  e lavare via i resti. Risciacquare

*Grasso, rossetto o matita colorata: con acqua calda, aggiungere eventualmente un poco di alcol in rapporto 1 a 2.

*Inchiostro:
1) Con succo di limone, risciacquare.
2) Mettere a bagno la parte macchiata in acqua e limone; dopo un certo tempo, fare bollire con detersivo.
3) Macchie recenti: cospargere subito con sale.
4) Macchie vecchie: ammorbidire nel latte, lavare in acqua saponata  oppure tamponare con glicerina e risciacquare.
5) Prima del lavaggio mettere a bagno il capo in acqua e aceto. Per la lana: fare cadere del latte a goccia a goccia, tamponare il liquido con dell’ovatta.

*Inchiostro per timbri: succo di limone puro, eventualmente con aggiunta di sale, risciacquare.

*Lamponi:
1) Tamponare con succo di limone, risciacquare con acqua.
2) Macchie vecchie: usare prima acqua ossigenata, quindi ammoniaca, risciacquare con acqua.

*Latte:
1) Le macchie vecchie vanno strofinate con olio di trementina poi risciacquate con acqua.
2) Le macchie fresche  si rimuovono con acqua saponata tiepida. Seta: acqua e glicerina in parti uguali, aggiungere un poco di ammoniaca.

*Macchie di Muffa:
1) Lino, mescolare bene un cucchiaio di sale da cucina, un cucchiaio di ammoniaca con sufficiente acqua, spargere la soluzione sulla macchia, appendere l’indumento all’aria per alcune ore, infine lavare
2) Inumidire la macchia, cospargerla con una miscela di sapone e polvere di gesso, lasciare agire, risciacquare.

*Matita copiativa e penna a sfera:
1) I tessuti bianchi vanno trattati con succo di limone riscaldato, risciacquare.
2) Oppure con una miscela di aceto e alcol in parti uguali, risciacquare.

*Mirtilli:
1) Inumidire con succo di limone, lasciare agire, risciacquare con acqua.
2) Oppure: tamponare con latte caldo, trattare quindi con una soluzione di ammoniaca diluita e un poco di sale, risciacquare bene.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...